Un'altra escursione nella brughiera per 'Jane Eyre'

Film

Mia Wasikowska nel ruolo del protagonista nel nuovo Jane Eyre, diretto da Cary Fukunaga.

CARY FUKUNAGA, il regista della nuova versione cinematografica di Jane Eyre, che si apre venerdì, ha recentemente scherzato sul fatto che esistesse una legge non scritta che richiedeva che Jane Eyre fosse rifatta ogni cinque anni. A volte si sente così. Di tutti i romanzi classici del 19° secolo, Jane Eyre di Charlotte Brontë è stato di gran lunga il più filmato, superando anche il sempre duraturo Orgoglio e Pregiudizio.

Finora ci sono state almeno 18 versioni cinematografiche, risalenti a un film muto del 1910, e 9 Jane per la televisione ?? così tanti che a volte sembrano citare l'uno dall'altro tanto quanto dal romanzo. Molti, incluso quello attuale, sono stati persino girati nella stessa location: Haddon Hall, un antico maniero merlato nel Derbyshire spazzato dal vento che viene messo in servizio ogni volta che i registi britannici hanno bisogno di un posto vecchio e dall'aspetto umido.

Quindi gli spettatori possono essere perdonati se nel ricordo tutte le Jane Eyre sembrano fondersi insieme in un ciclo continuo, con Joan Fontaine, la Jane del 1943, che improvvisamente si colora e si trasforma in Susannah York, mentre Rochester si trasforma, come un personaggio in un film dell'orrore, da Orson Welles a George C. Scott e poi Timothy Dalton.



Certi momenti si ripetono continuamente: lo sgabello a Lowood, il miserabile collegio per orfani; Rochester sbandava e cadeva da cavallo; le urla notturne, la camera da letto in fiamme; Jane che correva per la campagna arida; la voce che la chiama attraverso la brughiera. E finisce sempre allo stesso modo: lei lo sposa ovviamente, anche se il film Rochester è raramente la creatura pietosa e danneggiata che dimostra di essere nel libro, dove perde sia un occhio che una mano.

Immagine

Credito...Photofest

Se non c'è mai stato un film definitivo Jane Eyre, non ce n'è mai stato uno veramente marcio. Anche la versione sentimentale di Franco Zeffirelli del 1996, con William Hurt imbarazzantemente scambiato per un Rochester più quasi un mite eccentrico che un meditabondo, tipo Byron, ha i suoi momenti. Un paio di film si sono soffermati un po' sulla sensuale ascendenza creola della prima moglie di Rochester, Bertha Mason, e sul tema dello sfruttamento coloniale, ma finora l'unica versione veramente rivoluzionaria è il film di John Duigan del 1993 di Wide Sargasso Sea , il romanzo di Jean Rhys che racconta la storia dal punto di vista di Bertha, la pazza rinchiusa in soffitta.

Allora perché un'altra Jane Eyre, allora, con così tante perfettamente funzionanti già disponibili su DVD o scaricabili? La risposta più semplice è che i film vengono sempre rifatti, e i grandi romanzieri del 19° secolo ?? Austen e le sorelle Brontë in particolare ?? si sono rivelate una risorsa inesauribile e quasi infallibile.

Douglas McGrath, che ha diretto le versioni cinematografiche di Emma e Nicholas Nickleby della Austen, di Charles Dickens, ha scritto di recente in un messaggio di posta elettronica: Ciò che rende un classico un classico è che la storia ha sempre rilevanza per qualunque generazione la stia leggendo. Se così non fosse, non sarebbe un classico?? sarebbe dimenticato. E penso che ciò che dà loro rilevanza sia il dilemma umano al centro di esso. I dettagli del periodo ?? i bei (o no) costumi, le case grandi o squallide, la carrozza e il lume di candela e le usanze perdute da tempo ?? sono tutti ciliegina, ma non sono la torta.

Parlando dei classici della letteratura romantica, ha aggiunto, parte del fascino è che il linguaggio ha ancora un fraseggio ricco, a volte poetico, che un film moderno fa fatica a eguagliare.

Nel caso di Jane Eyre, come ha sottolineato di recente Alison Owen, che è stata la produttrice e la forza trainante del nuovo film, c'è anche una ragione semplice e pragmatica: per quanto riguarda i drammi in costume d'epoca, Jane è relativamente economica da realizzare.

Immagine

Credito...Photofest

È ambientato in una casa nel mezzo di una brughiera, ha spiegato. Jane Austen può essere piuttosto costosa. Hai bisogno di cavalli, carrozze, case, toghe. Ma nel complesso 'Jane Eyre' è molto più popolato della maggior parte dei film in costume. Non hai bisogno di strisce di costumi. E lo scenario non costa nulla. Punta una telecamera su quelle brughiere e sembra un film di David Lean.

Ma una ragione più profonda per voler fare il film, ha continuato, era semplicemente il suo affetto per il romanzo, e quasi tutte le persone coinvolte nella produzione, che vedeva protagonisti Mia Wasikowska e Michael Fassbender, la pensavano allo stesso modo. Jane Eyre uscì nel 1847, poco più di 30 anni dopo Orgoglio e pregiudizio, eppure, come ha sottolineato Fukunaga, un mondo di differenze separa i due libri.

Jane Austen è come 'Gossip Girl' e Charlotte ed Emily erano come gemelle gotiche, ha detto. È una sensibilità completamente diversa. Il mondo emotivo in cui viveva Charlotte è molto più oscuro e pericoloso.

È anche un mondo in cui i lettori moderni possono identificarsi più facilmente. La storia di un'orfana che diventa una governante, si difende e trova il vero amore in una villa spettrale e dall'aspetto infestato, mentre riversa il suo cuore sulla pagina in una prosa lussureggiante, romantica, quasi ipnotica, Jane Eyre , è sia una storia dell'orrore gotica che probabilmente il primo e più soddisfacente romanzo a luci rosse.

È stato il mio libro preferito da quando avevo 11 anni o giù di lì, e ho sempre pensato che fosse stato sottovalutato dai film. ha detto la signora Owen. Uno dei motivi è che Jane è stata spesso scelta per interpretare una donna anziana, non una ragazza. Ma non è scritto da quel punto di vista, motivo per cui piace così tanto alle ragazze. Fa un'enorme differenza avere qualcuno nella parte che è pre-femminilità. Mia aveva 19 anni quando abbiamo realizzato questo, che è esattamente l'età di Jane.

Immagine

Credito...Laurie Sparham/Caratteristiche di messa a fuoco

Moira Buffini, che ha scritto la sceneggiatura, ha ricordato di recente che quando ha sentito che la signora Owen stava rifacendo Jane Eyre, si è subito detta: Oh, mio ​​Dio. Continuò: È stato istintivo. Ho appena inseguito il lavoro.

E solo dopo aver ottenuto il lavoro ha scoperto come procedere. Ho iniziato andando dalla A alla Z, drammatizzando ogni scena importante, ha detto. Ognuno è composto da 8, 9, 10 pagine di prosa densa e, cercando di distillare tutto questo, mi sono reso conto prima di arrivare alla fine della prima bozza che non avrebbe funzionato. Fu allora che le venne l'idea di raccontare la storia principalmente in flashback, a cominciare dal soggiorno di un anno di Jane con il missionario ipocrita St. John Rivers e le sue sorelle, un intervallo che arriva piuttosto tardi nel libro e che la maggior parte dei film comprime o tralascia del tutto.

Questa è una parte così importante del libro, ha spiegato. Jane trascorre un anno intero lì, tormentata dal desiderio, ed è allora che inizia a vedere quale sia l'alternativa a Rochester: un matrimonio senza amore o una nubile. È una sorta di viaggio spirituale, e ti dice tanto di quel mondo, dove le persone con grandi anime hanno dovuto lottare con piccole vite.

Anche il signor Fukunaga, un americano di 33 anni, cercava questa Jane Eyre, anche se aveva realizzato solo un altro lungometraggio, Sin Nombre, un film girato in spagnolo sui centroamericani che cercano di entrare illegalmente negli Stati Uniti , e che ha ricercato guidando personalmente treni merci con immigrati clandestini.

Il cinema è una scommessa, ha detto la signora Owen riguardo alla scelta di lui, aggiungendo che è stata in parte guidata dalla sua esperienza nella realizzazione del film biografico su Cate Blanchett Elizabeth, diretto da Shekhar Kapur. Si è rivelato un grande successo avere un regista di una cultura diversa, ha detto. Non volevo seguire la strada dell'establishment, perché a volte sono un po' intimiditi dalla storia inglese e troppo preoccupati di essere fedeli ai Brontë. Devi scuotere un po' le cose.

Jane, Rochester e quello zombi

7 foto

Visualizza presentazione

Photofest

Il signor Fukunaga è cresciuto guardando la versione in bianco e nero di Robert Stevenson del 1943 con sua madre. Quella (che è stata in parte scritta da Aldous Huxley) è la più letteraria di tutte le Jane ?? inizia con le pagine girate e la vera prosa del libro in voce fuori campo ?? e anche quello che si inclina più pesantemente nella direzione di Rochester, con un Orson Welles dall'aspetto bruno che borbotta e declama in modo Brando-esque e lasciando Joan Fontaine con poco da fare se non guardare con gli occhi pieni di rugiada. Ma il signor Fukunaga ha detto che ciò che ha imparato è stata l'importanza di bilanciare i vari elementi della storia.

Lo rendi un dramma romantico d'epoca standard? Egli ha detto. Ne fai un film dell'orrore? Come si fa a percorrere la linea tra i due? In letteratura, per via della scala, si possono spostare toni e atmosfere. Puoi quasi cambiare genere. Ma in un film è un atto di bilanciamento. Ecco perché venero la versione di Bob Stevenson. Ha aggiunto, immagino che spetterà ai fan che sono acuti giudici degli adattamenti dire se ci sono riuscito.

Tutti coloro che sono coinvolti nella produzione concordano sul fatto che la performance della signora Wasikowka sia stata cruciale. È stato anche fortuito. Hanno suggerito un'altra attrice, ha detto la signora Buffini. Non dirò chi, ma era qualcuno che sentivo sarebbe stato meno eccitante.

La signora Wasikowska, infatti, aveva appena finito di girare Alice nel paese delle meraviglie di Tim Burton ed era tornata nella sua nativa Australia con una lista di libri che sperava di recuperare. Jane Eyre era in cima e dopo soli cinque capitoli ha chiamato il suo agente e ha chiesto se c'erano sceneggiature in sviluppo.


di che film parla la colonia?

Quello che ho amato di Jane è che ha questo senso innato di autostima, e non c'è davvero da nessuna parte che dovrebbe venire, ha detto. Non è che abbia avuto un'educazione amorevole. Tutto ciò che ha ottenuto, è perché l'ha fatto per se stessa.

La signora Owen ha detto: La ragione per cui così tante persone amano 'Jane Eyre' è che possono identificarsi con lei. Non è bella. È piccola e semplice, eppure trova la felicità romantica. È una favola per insicuri e insicuri ?? la donna normale.