Recensione 'La vita nascosta degli alberi': Magic Kingdom

Film

Jörg Adolph usa le capacità sensoriali del cinema per visualizzare in modo emozionante l'affermazione di un forestale tedesco secondo cui gli alberi sono esseri sociali e senzienti.

Una scena del documentario The Hidden Life of Trees.
La vita nascosta degli alberi
Scelto dalla critica del NYT
Diretto daJörg Adolfo,Jan Haft
Documentario
PG
1h 41m
Trova i biglietti

Quando acquisti un biglietto per un film recensito in modo indipendente attraverso il nostro sito, guadagniamo una commissione di affiliazione.


entra nel vuoto regista

Nel suo best-seller The Hidden Life of Trees, il guardaboschi tedesco Peter Wohlleben ha attirato milioni di lettori con un'ipotesi allettante: che gli alberi sono esseri sociali, senzienti, che parlano tra loro, nutrono e curano i loro piccoli, sentono il dolore e avere personalità. Mentre il linguaggio antropomorfico di Wohlleben e la seducente miscela di scienza e speculazione irritavano alcuni professionisti, questo era proprio il punto di forza per i lettori laici: un'opportunità per vedere come gli alberi condividono alcuni dei nostri tratti e sono degni della nostra empatia e cura.



Diretto da Jörg Adolph, il documentario The Hidden Life of Trees utilizza le capacità sensoriali del cinema per visualizzare in modo emozionante le osservazioni di Wohlleben. La telecamera di Jan Haft scruta in profondità la corteccia degli alberi e gli interi universi di organismi in essa contenuti; cattura la fioritura della vita vegetale in scatti time-lapse estatici; traccia amorevolmente i contorni dei baldacchini fruscianti e baciati dal sole. Per tutto il tempo, la voce fuori campo legge frammenti del libro di Wohlleben, permettendoci di entrare nei segreti della natura che si trovano oltre la visione umana e la temporalità.


vincitori del Golden Globe 2021

Queste scene sono intervallate dalle gite e dalle conferenze di Wohlleben e, come nel libro, il suo stile accessibile e la passione contagiosa sono l'attrazione principale qui. Ciò che il film trasmette con successo non è tanto la certezza scientifica quanto un commovente senso di curiosità e riverenza, che Wohlleben dispiega con un fine pragmatico: sostenere la gestione ecologica delle foreste, che garantirebbe la loro salute e longevità comuni, e quindi quella di umanità. Accovacciato accanto a un abete di 10.000 anni, Wohlleben ci ricorda la relativa insignificanza e il potere dell'uomo. L'unica cosa che non può sopportare, dice dell'albero esile, è una motosega.

La vita nascosta degli alberi
Voto PG. In tedesco, coreano e inglese, con sottotitoli. Durata: 1 ora e 25 minuti. Nei teatri.