Sono verde e i bambini sono un dolore, ma è una vita meravigliosa, asino

Film

Mike Myers dà la voce a Shrek nell
Shrek e vissero felici e contenti
Diretto daMike Mitchell
Animazione, Avventura, Commedia, Famiglia, Fantasy, Romantico
PG
1h 33m
Guarda come è apparso questo articolo quando è stato originariamente pubblicato su NYTimes.com.

Il cattivo non così spaventoso in Shrek e vissero felici e contenti, la quarta e presunta ultima puntata del franchise di Shrek, è uno squallido prestatore di mutui per una banca troppo grande per fallire. Beh, non esattamente.

In realtà è Tremotino (Walt Dohrn), l'imbroglione dei fratelli Grimm, con i capelli rossi a punta e gli occhi furiosi alzati al cielo, le labbra sottili contorte in un sorrisetto malevolo. Come il re volatile della terra di Molto Molto Lontano in un universo alternativo, indossa una serie di parrucche ridicole: bianche torreggianti per le funzioni cerimoniali, rosso brillante quando è di cattivo umore.

Quando questa controfigura mefistofelica, che somiglia a un Hannibal Lecter in miniatura, punk, ti ​​fa un contratto in faccia, faresti meglio a esaminarlo con un microscopio; una lente d'ingrandimento non sarebbe abbastanza forte per leggere la stampa fine. In Shrek e vissero felici e contenti, convince l'orco verde allegro titolare a firmare un accordo faustiano in cui regala un giorno della sua infanzia in cambio di uno senza responsabilità da adulto.



Il film si apre con un flashback esplicativo in cui il re e la regina di Molto Molto Lontano, i genitori della moglie di Shrek, Fiona (Cameron Diaz), sono sul punto di cedere il loro regno a Tremotino per salvarla dal confino quando arriva la notizia del suo salvataggio. Da allora l'imbroglione ribolle e complotta.


kirsten dunst nuovi film

Non appena Shrek (Mike Myers) ha firmato il contratto, Tremotino designa il giorno da sacrificare come il giorno della nascita di Shrek, e l'adorabile orco viene immediatamente immerso in un mondo più freddo e tetro in cui non è mai nato. Qui, Tremotino governa come Caligola e gli orchi sono una tribù sotterranea di ribelli guidati da Fiona in veste di guerriera.

Immagine

Credito...Immagini di primaria importanza

Prima che il contratto venga firmato, vediamo l'ormai addomesticato Shrek soffrire di tutto ciò che c'è? sindrome. Sposato con tre figli che strillano, è un burbero uomo di mezza età che ha perso il suo vigore. Invece di spaventare gli abitanti del villaggio, è una famosa celebrità locale assalita dai fan che lo implorano di autografare i forconi e di ruggire per loro. Facendo i capricci alla festa di compleanno di un bambino, sbrana la torta.

La trama (il signor Dohrn non solo interpreta Rumpelstiltskin ma è anche accreditato come capo della storia) è presa in prestito da It's a Wonderful Life. Quando l'orco barcollante, in un impeto di frustrazione, desidera ad alta voce di non essere mai nato, come una risposta toon a George Bailey, viene immerso in un incubo vivente di come sarebbe e si pente immediatamente di aver stretto l'accordo. Per il resto del film, il castigato Shrek, riunito con Donkey (Eddie Murphy), che inizialmente non lo ricorda, si sforza di riconquistare la confortevole esistenza borghese che dava per scontata.

Poiché questa allegoria del non-sai-cosa-hai-finché-non c'è più è così familiare, Shrek Forever After si sente un po' stanco nel suo nucleo. Nonostante tutti i suoi scherzi, sembra diretto meno ai bambini che ai loro genitori. Non c'è modo di aggirarlo: Shrek è ora un ex mostro assediato con un caso di angoscia di mezza età.

Detto questo, Shrek Forever After mimetizza abilmente la sua stanchezza con la solita tormenta di battute, riferimenti alla cultura pop e gag a vista. Il primo tra questi riferimenti è la banda di streghe prigioniere di Tremotino ?? suonerie morte virtuali per la Wicked Witch of the West ?? che solcano i cieli in formazione su manici di scopa e possono svanire nel nulla se bagnati con l'acqua. Uno degli scagnozzi di Tremotino è un pifferaio magico che può far ballare le persone fino alla morte.

La colonna sonora include frammenti di Top of the World dei Carpenters; Domani; L'amore più grande; Hai un amico; Ciao; e persino il Sure Shot dei Beastie Boys (per una divertente sequenza di ballo), tutti scesi con vari gradi di ironia.

Shrek scopre che l'unico modo per annullare il contratto è se lui e Fiona si scambiano il bacio del vero amore. Ma quando si incontrano in questo mondo alternativo, lei non ha voglia di baciarsi, e i suoi tentativi di piantarne uno su di lei vengono respinti con rabbia. Anche un bacio più serio in seguito non funziona perché il vero amore deve ancora sbocciare.

Immagine

Credito...Immagini di primaria importanza

Ma quasi dall'inizio della loro associazione, c'è un barlume di lontano riconoscimento nello sguardo di Fiona. Insieme ad altri clienti abituali di Shrek, appare il gatto con gli stivali (Antonio Banderas), ma nell'alternativa Molto molto lontano, è un gatto domestico gonfio e viziato che è così grasso che riesce a malapena a muoversi.

Poiché Shrek e vissero felici e contenti, diretto da Mike Mitchell (Sky High, Deuce Bigelow: Male Gigolo) da una sceneggiatura di Josh Klausner e Darren Lemke, è in 3-D, è visivamente più oscuro dei suoi predecessori. Questo può adattarsi all'atmosfera più cupa di un mondo da incubo, ma il colore più cupo diminuisce la brillantezza fiabesca della serie. Nonostante alcune sorprendenti eruzioni visive durante una sequenza di battaglia, il 3-D non contribuisce molto.

Ciò che fortifica Shrek e vissero felici e contenti sono i suoi personaggi principali realizzati brillantemente, che quasi un decennio dopo il primo film di Shrek rimangono una fusione vitale e coinvolgente di immagine, personalità e voce come qualsiasi altro personaggio nella storia dell'animazione. Il schivo Shrek, un tenero sciattone con un accento scozzese la cui idea del paradiso è di sdraiarsi nel cortile e fare l'equivalente fangoso degli angeli di neve, ora potrebbe essere un uomo qualunque di mezza età, ma è accattivante come sempre.

Ma è l'asino con i denti e gli occhi sfuggenti di Mr. Murphy che distilla l'atteggiamento della serie di allegramente cagliato hipness. Nella sua eterna sfrontatezza ottimista, è una creazione per rivaleggiare con Peter Pan.


nessun documentario sull'uomo comune

Shrek e vissero felici e contenti è classificato come PG (si consiglia la guida dei genitori). Ha un linguaggio forte e una lieve violenza dei cartoni animati.

SHREK PER SEMPRE DOPO

Apre il venerdì a livello nazionale.

Diretto da Mike Mitchell; scritto da Josh Klausner e Darren Lemke; a cura di Nick Fletcher; musiche di Harry Gregson-Williams; prodotto da Gina Shay e Teresa Cheng; distribuito da DreamWorks Animation SKG e Paramount Pictures. Durata: 1 ora 33 minuti.

CON LE VOCI DI: Mike Myers (Shrek), Eddie Murphy (Donkey), Cameron Diaz (Fiona), Antonio Banderas (Il gatto con gli stivali), Walt Dohrn (Tremotino), Jon Hamm (Brogan), Jane Lynch (Gretched) e Craig Robinson (biscotto).